I compiti vitali in adolescenza

Nella fase adolescenziale la crescita psicologica dei ragazzi è segnata da 4 principali compiti elvolutivi tendenti a dimostrare al mondo e a se stessi che non si è più bambini, ed in specifico:

- doversi distaccare dai propri legami infantili;

- dover definire la propria “costituzione personale” composta dai propri valori e idee

- dover integrare una nuova idea di corpo, un corpo maturo e sessuato

- dover “uscire allo scoperto” e fare il proprio ingresso a pieno titolo nel mondo sociale

Durante la prima serata del ciclo di incontri sull’adolescenza organizzati dall’istituto Adler il 27 aprile scorso e che proseguiranno nelle serate dell' 8 e 18 maggio, si è sviluppato l’obiettivo di  approfondire e dibattere il tema della costruzione dell’identità nei ragazzi di oggi alla scoperta delle principali dinamiche psicologiche che ruotano intorno a questo tema. 

Su sollecitazione die partecipanti si è approfondimento il ruolo degli adulti nei confronti dei compiti evolutivi dei ragazzi: “questo viaggio può essere affrontato solo in presenza dell'adulto. Senza l’adulto che accompagna, il rischio è di rimanere incastrati in una falsa maturità”.  L’adulto ha quindi un difficile e complicato compito umano e personale che comporta il fatto di non poter esimersi dall’essere per i propri figli esempi con i quali confrontarsi. Questo confronto è l’ingrediente essenziale che i ragazzi usano per incontrare se stessi in modo autentico, per essere e percepirsi persone vere e parte della collettività. In questa fase infatti essi si nutrono ancora dell’esempio di adulti che, nella loro imperfezione, “accettano la sfida” e hanno il coraggio di definirsi e rimanere solidi e coerenti di fronte alle proprie decisioni, di fronte alle diverse prove che propone la vita: «Se non ho un riferimento da cui differenziarmi non potrò individuare me stesso”.

Nella serata è quindi emerso che in adolescenza i ragazzi intraprendono un viaggio nel tentativo di “liberarsi” dal proprio bambino interiore che viene vissuto come zavorra; un viaggio per costruire se stessi attraverso la ricerca di un nuovo senso, un senso non più genitoriale ma personale, unico ed irripetibile; un viaggio difficile ma, anche se intriso di desideri e paure, necessario; un viaggio che necessita di compagni e di guide che hanno già fatto un po’ di strada prima di loro; un viaggio che al suo termine porterà il ragazzo a far pace con il proprio bambino interiore il quale tornerà a prendere il suo posto nella personalità dell’adolescente per aiutarlo ad affrontare i compiti della vita.

“Devi includere i tuoi passati all'interno della tua immagine ... ti aiuta a riflettere su che cosa sei adesso” (David Bowie)

Follow us

Lorem ipsum dolor sit amet, consetetur sadipscing elitr, sed diam nonumy eirmod.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy